Il progetto di digitalizzazione della Biblioteca dell’Istituto Galilei Pacinotti di Pisa nasce grazie al corso Biblioteca Digitale, che si è svolto tra maggio e giugno 2019 nell’ambito del progetto PON “Didattica digitale per i cittadini del domani” e tenuto dalla dottoressa Chiara Mannari del laboratorio di Cultura Digitale dell’Università di Pisa.

Le lezioni, rivolte a un gruppo di 20 studenti del Liceo Classico di Pisa alla loro prima esperienza di alternanza scuola-lavoro, sono state incentrate principalmente sulla digitalizzazione e hanno alternato momenti di didattica tradizionale, dove sono stati presentati contenuti di tipo teorico, ad attività di laboratorio, in cui è stato appreso l’utilizzo dei software per la digitalizzazione e altre piattaforme informatiche utili alla presentazione del progetto. Questa suddivisione è stata utile per un apprendimento completo delle fasi di digitalizzazione da parte degli alunni: digitalizzare un testo antico, senza ridurre questa azione a semplici passaggi su un computer ma comprendendone il significato. Questo è lo scopo educativo di tale progetto di alternanza scuola lavoro. 

La dottoressa Mannari ha spiegato la digitalizzazione nelle sue specifiche fasi, e precisamente: creazione dell’archivio, acquisizione delle pagine, OCR e correzione, elaborazione dei vari formati, conservazione, pubblicazione e condivisione. Durante le esercitazioni nella biblioteca del liceo, gli alunni hanno digitalizzato alcune edizioni del  “Bollettino Storico Pisano”  (annate 1934/35, 1937, 1938). Dopo aver acquisito il testo in formato digitale, utilizzando gli scanner planetari in dotazione alla biblioteca e aver prodotto i file master in formato tiff, si è passati all’OCR: Riconoscimento Ottico dei Caratteri. L’OCR è una tecnologia che permette il rilevamento automatico dei caratteri contenuti all’interno di un documento, permettendo il passaggio da immagine a testo. L’OCR, pur essendo un processo automatico, prevede una fase finale di correzione che deve essere effettuata manualmente da un operatore umano. Questo passaggio, anche se spesso richiede molto tempo, è essenziale per ottenere testi corretti, infatti consiste nella revisione di tutto il testo e nella risoluzione di ambiguità rilevate dal software di riconoscimento dei caratteri. Il software OCR adottato si chiama Abbyy FineReader, un programma che consente la conversione di documenti di immagine (foto, scansioni, file PDF) in formati elettronici modificabili. L’ultima versione di questo programma permette il riconoscimento del testo in 192 lingue e un correttore ortografico integrato per 48 lingue.

Per diffondere il progetto di digitalizzazione è stato creato, attraverso la piattaforma WordPress, questo sito web intitolato “BDGP: Biblioteca Digitale Galilei Pacinotti”  grazie al quale gli studenti hanno avuto la possibilità di condividere i propri approfondimenti e pubblicazioni inerenti al fondo storico presente nella biblioteca. Gli approfondimenti sono articoli scritti dagli studenti e solitamente consistono nella presentazione di un volume antico presente nella biblioteca, mentre le pubblicazioni sono il risultato del lavoro di digitalizzazione. 

Si invitano tutti gli utenti a navigare il sito e a seguire il nostro progetto.